11-01-2018

Bonus Ristrutturazioni: come e perché approfittarne

Il testo definitivo della Legge di Bilancio 2018 è stato approvato nel mese di dicembre appena trascorso. Molte sono le novità al suo interno, ma molte sono state anche le riconferme, soprattutto riguardanti le agevolazioni edilizie. Una di queste riguarda il Bonus Ristrutturazioni, che per il 2018 sarà prorogato con le stesse modalità e lo stesso tipo di incentivi di quest’anno. Per scoprire l’ultimo aggiornamento 2017 con tutti i dettagli è stata pubblicata anche una Guida Ufficiale sulle Agevolazioni Edilizie.

Cos’è il Bonus Ristrutturazioni

Il bonus è nato come detrazione IRPEF del 36% sulle spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie, con un limite massimo di 48.000 euro. A partire da giugno 2012 però, la detrazione è stata aumentata al 50% e la spesa massima su cui è possibile applicarla è stata portata a 96.000 euro.  Il bonus viene fruito attraverso un rimborso in 10 quote annuali di pari valore che partono dall’anno successivo a quello in cui si sono effettuate le spese. Le proroghe successive di questa agevolazione l’hanno poi sempre vista rinnovarsi in questa forma, confermando requisiti di accesso e modalità di fruizione.

Chi può usufruirne

Ha diritto al Bonus Ristrutturazioni chi si prende carico delle spese per i lavori di riqualificazione edilizia sia su costruzioni adibite ad uso abitativo che su quelle per attività produttive. Il beneficiario della detrazione quindi non deve essere necessariamente il proprietario dell’immobile, ma chi è titolare del diritto di godimento e paga le spese. Può essere quindi:

  • il locatario o comodatario
  • il titolare di usufrutto, uso, abitazione o superficie
  • il socio di una cooperativa divisa o indivisa
  • un imprenditore individuale, una società semplice, a nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparati, un’impresa familiare: tutti questi casi sono accettati però solo nell’eventualità di immobili non considerati beni strumentali o merce
  • il familiare convivente del possessore dell’edificio.

Quest’ultima possibilità è valida nel caso in cui il familiare sia il coniuge, il componente di un’unione civile, il convivente more uxorio, oppure i parenti fino al terzo grado e gli affini fino al secondo grado. Inoltre, anche il coniuge separato a cui sia stata assegnata l’abitazione intestata all’altro coniuge può richiedere la detrazione.

Ha infine diritto al bonus anche chi esegue i lavori da solo, sebbene solo per la spesa d’acquisto del materiale edile.

Come richiedere il bonus

La richiesta di detrazione IRPEF viene fatta al momento della dichiarazione dei redditi dell’anno successivo rispetto a quello in cui sono effettuate le spese per gli interventi edilizi. Si calcolerà al momento della dichiarazione la deduzione spettante, che andrà poi indicata nella richiesta insieme ai dati catastali dell’immobile su cui sono stati effettuati i lavori. I pagamenti devono essere necessariamente compiuti tramite bonifico bancario o postale e deve essere conservata tutta la documentazione che li riguarda. Questi e altri documenti devono, infatti, essere presentati in caso di un controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate:

  • domanda di accatastamento dell’immobile
  • ricevute IMU
  • consenso all’esecuzione degli interventi edilizi
  • concessioni e autorizzazioni ai lavori.

Nel caso i lavori siano effettuati sulle parti comuni di un condominio, servirà inoltre la delibera dell’assemblea per la loro esecuzione e la tabella per la ripartizione delle spese.

 

Come pagare gli interventi edilizi

Per ottenere il bonus, il pagamento dei lavori effettuati deve essere corrisposto necessariamente attraverso un bonifico “parlante”. Si tratta di un bonifico postale o bancario che al suo interno deve indicare:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • il codice fiscale o la Partita IVA di chi ha eseguito gli interventi
  • la causale del versamento con il riferimento alla norma “articolo 16-bis del Dpr 917/1986”.

Nel caso i lavori siano eseguiti per un condominio si devono aggiungere anche il codice fiscale proprio del condominio e quello dell’amministratore o del condomino che si occupa del pagamento. Se ci sono più persone a sostenere le spese, queste devono essere tutte indicate all’interno del bonifico.

Quali sono le spese ammesse

Per avere accesso alla detrazione del 50% gli interventi edilizi eseguiti devono essere di:

  • manutenzione straordinaria
  • restauro e risanamento conservativo

Sono esclusi tutti i lavori che riguardino la manutenzione ordinaria, a meno che non siano quelli effettuati sulle parti comuni di condomini.

Altri tipi di interventi ammessi sono ad esempio quelli riguardanti:

  • la bonifica dell’amianto
  • la costruzione di autorimesse o posti auto
  • l’eliminazione di barriere architettoniche
  • la ricostruzione o il ripristino di un edificio danneggiato da una calamità.

È importante ricordare che il bonus non copre solo i lavori in sé, ma anche tutte quelle spese accessorie che hanno spesso un loro importante peso. Queste possono essere quelle sostenute per la progettazione, i materiali, le perizie, i sopralluoghi, ma anche l’IVA, il bollo ed eventuali diritti.

Risulta chiaro il motivo per cui questa agevolazione sia una delle più richieste e sia quindi uno degli strumenti più utili messi in atto ai fini della crescita. Dal 1998, anno di nascita di questo bonus fiscale, sono state infatti 12 milioni le domande presentate per ottenere questa agevolazione, che oltre a portare benefici a chi mette in atto gli interventi, ne porta anche alle imprese coinvolte.

Torna a Come fare

UniCredit Subito Casa Società di Intermediazione Immobiliare di UniCredit SPA

UniCredit Subito Casa S.p.A Società con socio unico – Capitale Sociale € 500.000,00 interamente versato Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale e P.IVA n° 08583660967
Numero REA MI-2035532 – Società soggetta a direzione e coordinamento da parte di UniCredit S.p.A.UniCredit Subito Casa S.p.A.
Sede Legale: Via G.B. Pirelli, 32 20124 Milano MI – Numero Verde 800.89.69.68 | unicreditsubitocasa.it